maurizio bastianoni <vuoto>
home | contatti | link
<vuoto>
Maurizio BastianoniLa Volpe nella tana del Lupo. El Alamein 1942la settimana di gianniil giardino all'inglesele pagode di bangkok
chi è | i romanzi | presentazioni | rassegna stampa | novità e anteprime | dicono di lui | a colloquio con l'autore 
Sei qui: dicono di lui

dicono di lui

“Le pagode di Bangkok” sono il simbolo di una ricerca che passa attraverso rivelazioni, confronti, scontri anche laceranti tra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere, e immersione totale – ma non per questo acritica – in un mondo lontanissimo dal nostro, esotico e difficile, avvolgente e respingente al tempo stesso.
[continua...]

dall’Introduzione de “Le pagode di Bangkok” a cura della giornalista Silvia Gigli

“Il lavoro di Bastianoni è anche un vero e proprio romanzo di formazione, genere di cui rinverdisce una tradizione che sembra in via di estinzione e che in Italia, nell’ultimo quarto di secolo del Novecento ha avuto rappresentanti illustri come Pasolini con “Ragazzi di vita”, Elsa Morante con “L’isola di Arturo”, Alberto Arbasino con “Le piccole vacanze”.
[continua...]

dalla Prefazione de “Le pagode di Bangkok” a cura del Prof. Gennaro Oriolo

Maurizio Bastianoni continua in una sua scelta vincente e cioè quella del romanzo di formazione che sconfina nei territori del romanzo di costume.
[continua...]

dalla Prefazione de “Il giardino all’inglese” a cura del Prof. Gennaro Oriolo

Quello che subito colpisce del libro di Maurizio Bastianoni è la convinzione, la passione con cui è scritto. Ma bisogna subito aggiungere che ciò non va affatto a scapito della validità della ricerca storica. Perché di questo si tratta.

dall’introduzione de" La Volpe nella tana del Lupo. El Alamein, 1942"
a cura del critico letterario Leandro Piantini

Il piglio con cui Bastianoni narra quell’episodio che si snodò per sette lunghi mesi, e che fu bruciante e ricco di vicende altalenanti, combattute tutte al calor bianco dell’eroismo e dell’estremo sacrificio, è fervido, convinto, capace di dare pieno rilievo a grandezze e miserie della vita militare.
[continua...]

dall’introduzione de "La Volpe nella tana del Lupo. El Alamein, 1942"
a cura del critico letterario Leandro Piantini

Il romanzo può essere documento storico di un periodo o di un evento più attendibile delle memorie degli stessi protagonisti.
[continua...]

dalla Prefazione de "La Volpe nella tana del Lupo. El Alamein, 1942"
a cura del Prof. Ugo Barlozzetti

Tra il mare e la depressione di El Qattara quella generazione che sapeva che la guerra era persa e che il “camerata” germanico intendeva usare la propria superiorità anche nei confronti dell’alleato...
[continua...]

dalla Prefazione de "La Volpe nella tana del Lupo. El Alamein, 1942"
a cura del Prof. Ugo Barlozzetti


 

dettaglio della copertina del libro Le pagode di Bangkok

 

 

 

 

l Alamein

 

© 2007 - 2008 Sito ufficiale di Maurizio Bastianoni