maurizio bastianoni <vuoto>
home | contatti | link
La Volpe nella tana del lupo. El Alamein 1942la settimana di gianniil giardino all'inglesele pagode di bangkok

Chi è | I romanzi | Presentazioni | Rassegna stampa | Novità e anteprime | Dicono di lui | A colloquio con l'autore 

Sei qui: intervista su El Alamein

 
MASSIMO VANNI (LA REPUBBLICA) INCONTRA MAURIZIO BASTIANONI

Intervista su El Alamein

Bastianoni, cosa l‘ha spinta a scrivere un romanzo sulla battaglia di El Alamein?
“Ho sentito che dovevo ribellarmi allo stereotipo del soldato italiano pavido e straccione. Se ci pensiamo bene, le immagini che ci rimanda la storia sono quelle della ritirata di Russia e del dramma dell’8 settembre. Ma non è solo così. El Alamein fu un episodio di eroismo vero, certificato poi dagli stessi storici. Capisco però che non è facile richiamare alla memoria un episodio che risale alla fase in cui eravamo alleati di Hitler, che è più facile oscurare come si sono comportati i soldati italiani in quel periodo. Ma non possiamo comprendere cosa siamo stati se cancelliamo quello che è accaduto dal 1940 al ’43. Pur combattendo in nome di valori sbagliati, i nostri ragazzi si batterono come leoni. Ed è giusto ricordare che furono mandati a combattere senza mezzi e senza attrezzature.”

Perché l’esercito italiano si mostrò così impreparato?
“Da un lato pesò l’arretratezza dottrinale del nostro Stato maggiore. Per lo più ancora legato alla Grande Guerra, cioè alle battaglie a piedi, di masse in movimento, piuttosto che di macchine (arerei, carri armati, sommergibili ecc…). Un’intera generazione di vertici militari si rivelò legata a vecchi schemi mentre ormai ci si misurava con una guerra di macchine, dove contava molto il coordinamento tra le varie forze armate.”

Eppure per un ventennio il regime aveva costruito la sua immagine sulle virtù militari e sull’esaltazione della guerra.
“Ma si mostrò impreparato allo scoccare dell’ora “X”. L’industria italiana non era preparata allo sforzo bellico richiesto dagli avvenimenti. Mussolini lo sapeva, i generali più avveduti gli avevano detto che non era il caso di entrare in guerra nel giugno del ’40. Contavano molto gli interessi di Fiat e Ansaldo, di fatto monopoliste. Così vennero sprecate occasioni preziose come quando furono offerti i brevetti di costruzione del panzer tedesco e ci rifiutammo di produrlo. Anche della produzione delle Fortezze Volanti non se ne fece poi nulla. Il risultato fu quello di inviare a combattere truppe inadeguate, senza mezzi all’altezza né sufficenti. E’ qui che è nato del resto il mito della Folgore: andare incontro ai carri armati con delle semplici molotov.”

Fu vero eroismo quello di El Alamein?
“Pensate, su un fronte di 15 chilometri, 3.500 parà erano schierati contro 40mila uomini, aerei e 400 carri del Commonwealth. E se si considera che i parà tennero testa a quell’onda d’urto per 13 giorni, si capisce perché si è parlato poi di “gloriosa disfatta”. Questo è uno dei tanti episodi che si snodarono lungo i 60 chilometri del fronte. Senza contare che gli inglesi, alla fine, sfondarono a nord, dove si trovavano truppe miste italo – tedesche, non a sud dove gli italiani da soli avevano tenuto la posizione. La Folgore si ritira per l’ordine del comando dopo lo sfondamento a nord. E tocca alla divisione Ariete prendere tempo, perché la ritirata non si trasformi in rotta: erano bersaglieri, artiglieri e carristi con i piccoli carri M13 e M14. Velocità massima: 13 chilometri orari. Davanti a carri moderni come gli Sherman. Eppure l’avanzata di Montgomery viene ritardata: la divisione Ariete muore lì, annientata sul campo di battaglia. L’ultimo messaggio al comando fu: “Ariete circondata. Restano tre carri. Contrattacchiamo”. Il generale Rommel, che fino ad El Alamein aveva considerato gli italiani come alleati di serie B, dovette ricredersi.

Fu una sconfitta annunciata.
“La grande battaglia si tiene dal 23 ottobre al 6 novembre, sul fronte che va dal Golfo degli Arabi alla Depressione di El Qattara. A proposito della depressione, cito un episodio: sono solo un centinaio i ragazzi della Folgore che si trovano a fronteggiare mille uomini della Legione Straniera, eppure riescono a respingerli. Del resto l’Asse poteva contare in Africa su 96mila uomini, contro una massa d’urto di 220mila. I rapporti di forza erano di uno a otto, uno a sei. Nel migliore dei casi, uno a quattro.”

E’ sempre stato detto che El Alamein è stato il punto di svolta della Seconda guerra mondiale.
“Come ebbe a dire a Churchill, fino a quel momento mai una vittoria, dopo El Alamein non più una sconfitta. La resistenza di Stalingrado arriva nei primi mesi del 1943 ma a quel momento Rommel è già stato sconfitto. Il prestigio e le ambizioni di Mussolini si incrinano. Certo, possiamo domandarci cosa sarebbe successo se Rommel avesse invece sfondato: molti storici dicono che sarebbero cadute tutte le posizioni fino ai pozzi degli attuali Iraq e Iran. L’India sarebbe stata in qualche modo circondata. L’esito della guerra non sarebbe cambiato, ma di sicuro sarebbe durata più a lungo.”

La sconfitta fu un duro colpo anche per il regime di Mussolini?
“Sicuramente, accanto alla sconfitta militare maturavano anche le prime sconfitte del regime. Le truppe italiane in Africa erano composte da gente distrutta da tre anni di guerra: la regola del diritto al rimpatrio dopo due anni di permanenza sul suolo africano non veniva rispettata e la stanchezza montava. Anche verso il regime.”

Ma perché riscoprire oggi El Alamein?
“Perché manca ancora una storia d’Italia condivisa, però dobbiamo provare a costruirla. Il ricordo di El Alamein è stato rimosso perché fu una sconfitta e perché quei soldati combattevano per Mussolini e Hitler. Quei soldati erano stati mandati a combattere, non c’erano volontari tranne la Folgore e i Giovani fascisti. E quell’episodio della nostra storia è rimasto patrimonio degli eredi di coloro che avevano inviato quei ragazzi a morire in condizioni pietose. Ma anche El Alamein fa parte della nostra storia e non è certo rimuovendo che possiamo conoscere cos’è accaduto. Il presidente della Repubblica Ciampi è stato il primo a celebrare il ricordo di quegli eventi e da allora ogni fine ottobre si ricordano i caduti, facendo finalmente di El Alamein un patrimonio di tutti gli italiani. Penso sia stato un errore tacere degli eroismi di El Alamein, Bir el Gobi, Giarabub, Cheren o Culqualber fino a Nikolajevka. Credo sia estremamente controproducente nascondere quei tragici sacrifici. Rivalutare quei soldati non significa rivalutare il fascismo o casa Savoia. Anzi, la condanna dell’impreparazione, dell’avventurismo dei vertici politici e militari esce rafforzata proprio dalla rivisitazione di quelle esperienze. Ma la storia va conosciuta, interpretata. Non si può averne paura a così tanti anni di distanza. Ecco il significato del mio impegno editoriale.”

Massimo Vanni
La Repubblica


 

 

copertina del libro

 

 

 

 

 

 

Lapide ai caduti italiani posta dai bersaglieri italiani al km 111 da Alessandria d'Egitto

 

 

 

 

 

 

 

 

sacrario militare italiano di El Alamein. In primo piano obelisco dedicato ai bersaglieri

 
© 2008 Sito ufficiale di Maurizio Bastianoni